Notizie dal BIO

Più BIO meno STRESS

Più BIO meno STRESS

Mangiare bio, aiuta a contenere i danni e i disagi derivanti dalla permanenza forzata, nelle nostre abitazioni.

Rimanere a casa per giorni interi, a causa del lockdown e delle restrizioni che stiamo tuttora vivendo, ha inciso anche sulle nostre abitudini alimentari e il rapporto che abbiamo con il cibo e a ridurre l’attività motoria. Inoltre, stress psicologico e noia, possono spingerci a mangiare troppo e spesso male. Il progetto di ricerca “Eating habits and lifestyle changes in Covid 19 lockdown”, coordinato da Laura Di Renzo, professore associato di Nutrizione clinica, dipartimento di Biomedicina e Prevenzione, Università degli studi di Roma Tor Vergata, ha cercato di capire quale è stato il comportamento degli italiani rispetto al cibo durante il lockdown ed esaminare le risposte comportamentali ed emotive alla pandemia da Covid 19. Dallo studio è emerso che. Durante il primo lockdown della primavera 2020, il 48% degli italiani è ingrassato. Circa la metà dell’intera popolazione! Questo è avvenuto soprattutto nelle regioni del Sud, tra le donne e specialmente nella fase finale del lockdown quando lo stress si era ulteriormente aggravato. Dallo studio si rileva che in questi mesi gli italiani hanno fatto più attenzione al cibo che consumavano, privilegiando cibi più salutari. Infatti, la ricerca evidenzia che il 12-15% degli italiani ha fatto la spesa di alimenti nei mercatini rionali, acquistando cibi locali, biologici.
Abbiamo ripreso tante delle nostre tradizioni alimentari, tornando a consumare cibo fresco, di stagione, preparato e cucinato da noi. Meno cibo spazzatura, grazie alla riduzione degli acquisti di alimenti industriali a vantaggio di quelli più sani, come quelli tipici della “dieta mediterranea”. Altro dato positivo infine è stato il riciclo del cibo avanzato, al quale ha fatto maggiore attenzione il 54% dei partecipanti allo studio.

Da anni si conoscono i benefici per il nostro organismo della dieta mediterranea, basata sul consumo di verdura, olio, legumi che, oltre ad avere effetti positivi sul sistema cardiovascolare, sulla pressione arteriosa, ha anche proprietà antinfiammatorie. Se fa bene seguire una dieta mediterranea, fa ancora meglio seguire una alimentazione anche biologica. In base ad altri studi condotti dal gruppo di ricerca della sezione di Nutrizione clinica e Nutrigenomica, dell’Università degli studi di Roma Tor Vergata negli anni 2007- 2015 è stato verificato quel che accade nel nostro organismo quando si consumano prodotti biologici rispetto a quelli convenzionali. Facendo seguire la stessa dieta mediterranea costituita da prodotti biologici o convenzionali si è osservato che gli alimenti biologici hanno una capacità antiossidante molto più alta, in certi casi fino al 300% in più!

Con le analisi eseguite sul sangue dei soggetti studiati, si è verificato che quelli che avevano seguito una dieta mediterraneo biologica presentavano una capacità antiossidante plasmatica aumentata del 20%.  In sintesi, queste persone, avevano visto aumentare la loro capacità di rispondere a eventi stressogeni del 20% semplicemente mangiando alimenti bio.

di Silvano Ventura

 

info@biofiera.it     335.7187453    Iscriviti alla newsletter

Copyright (c) 2021 Edibit s.r.l - PIVA 01570971208 - privacy

Biofiera.it è supplemento di "Vivere Sostenibile", periodico mensile.

Registrazione Tribunale di Bologna n. 8314 del 15/10/2013, edito da Edibit s.r.l., inscritta al ROC al n. 2289 del 28/09/2001. Ex RNS n. 4123 del 23/03/1993. Direttore Responsabile Silvano Ventura.