Notizie dal BIO

Il bio che cresce in un mercato che cambia

Il bio che cresce in un mercato che cambia

Il bio in un Rapporto. La corsa del biologico non conosce sosta. Nel 2018 l’Italia ha raggiunto quasi 2 milioni di ettari coltivati ad agricoltura biologica, con 80mila operatori e un giro d’affari di 6,4 miliardi di euro, export compreso. Ma proprio ora che il bio è uscito dalla sua calda nicchia per diventare fenomeno di massa, il mercato è diventato più complicato e la sfida ancora più alta. Come dimostra anche il Rapporto Bio Bank 2019 appena pubblicato, 68 pagine ricche di dati, informazioni e infografiche, consultabili liberamente su Issuu. Cuore del Rapporto l’analisi dei dati di 10.114 attività bio censite da Bio Bank nel 2018. È sempre la cosmesi a trainare la crescita con 1.070 attività contro le 926 del 2017 (+15,6%), mentre nell’alimentare le attività sono scese da 9.075 a 9.044 (-0,3%). Significativo il turnover: oltre 550 le attività uscite dal censimento, più di 650 quelle entrate. In chiusura le fonti più autorevoli di dati sul bio in Italia, in Europa, nel mondo, precedute da una novità: l’elenco degli organismi di certificazione del biologico.

Un perimetro che non racchiude tutto il biologico, ormai senza confini, ma fornisce da 13 anni dati preziosi sull’evoluzione del piccolo-grande mondo del bio agli operatori del settore e dell’informazione. Un mondo che ha il rispetto dell’ambiente scritto nei suoi fondamentali e nella sua storia. Il bio non si può infatti definire in negativo per ciò che non usa, ovvero i prodotti chimici di sintesi. La sua forza è positiva e propulsiva: quando tutela la biodiversità, promuove i valori sociali e solidali, sostiene la qualità, punta sulla stagionalità, valorizza i territori, sorprende con la varietà di prodotti freschi e freschissimi, traina l’intero agroalimentare con la ricerca e l’innovazione. Un bio autentico, che non si accontenta solo dell’Eurofoglia. Il mercato del bio 2009-2018 Dal 2009 al 2018 il mercato interno è passato da 1,6 a 4,1 miliardi di euro (+164%).

Nell’ultimo anno la crescita è stata del 15,1%. E corre anche l’export, passato da 1 a 2,3 miliardi di euro: +127% in dieci anni, +10% nel 2018. In un decennio le vendite nei canali specializzati del biologico (negozi bio, ristorazione e varie forme di vendita diretta) sono quasi raddoppiate, mentre quelle degli altri canali (in primis supermercati, poi anche negozi tradizionali, erboristerie, farmacie e parafarmacie) sono più che quadruplicate. La quota di mercato, invece, è scesa dal 71 al 53% per i canali specializzati, mentre è salita dal 29 al 47% per gli altri canali, come risulta dalle elaborazioni Bio Bank su dati Assobio, Ice, Ismea, Nielsen e Nomisma.

Sul Rapporto sono pubblicati e analizzati i dati riferiti alle 10.114 attività censite da Bio Bank nel 2018: 9.044 per l’alimentazione e 1.070 per la cosmesi.
68 pagine ricche di dati, informazioni e infografiche da consultare liberamente su Issuu https://issuu.com/biobank/docs/rapporto_bio_bank_2019

 

info@biofiera.it     335.7187453    Iscriviti alla newsletter

Copyright (c) 2019 Edibit s.r.l - PIVA 01570971208 - privacy

Biofiera.it è supplemento di "Vivere Sostenibile", periodico mensile.

Registrazione Tribunale di Bologna n. 8314 del 15/10/2013, edito da Edibit s.r.l., inscritta al ROC al n. 2289 del 28/09/2001. Ex RNS n. 4123 del 23/03/1993. Direttore Responsabile Silvano Ventura.